Baselga, le scuole medie hanno riaperto la palestra

Il tetto dell’impianto sportivo delle “don Tarter” era crollato nell’autunno 2011 Il sindaco Grisenti: «I lavori non sono un costo ma un investimento per i ragazzi»

«Era l’autunno del 2011- ricorda Ugo Grisenti sindaco di Baselga di Piné - quando il dirigente della scuola media don Tarter mi avvisò che nell’ala che ospitava la palestra, si era sentito un forte boato derivante dal collasso delle strutture del tetto. Da allora, sono trascorsi diversi anni nei quali docenti, ragazzi e associazioni hanno dovuto trovare altrove lo spazio per svolgere l’attività sportiva, mentre noi abbiamo provveduto, con i contributi della Provincia e dei Comuni di Bedollo e Sover, a ridare nei tempi necessari l’ambiente adatto e sicuro a voi ragazzi. Quello che facciamo per la scuola non è una spesa ma un investimento per avere una comunità migliore e per dare a voi ragazzi l’opportunità di mettervi in gioco nella vita con gli strumenti necessari».

In un’atmosfera festosa si è tenuta ieri mattina la cerimonia d’inaugurazione della palestra dell’Istituto Comprensivo dell’Altopiano di Piné, con la benedizione di don Stefano e alla presenza dell’assessore allo sport Carlo Daldoss, dei sindaci Grisenti, Fantini e Battisti e di diversi assessori comunali, preceduta dalla presentazione del murale che decora la parete esterna della scuola, da parte dell’assessora Giuliana Sighel e illustrata dalla dirigente scolastica Lucia Predelli. Il programma è stato arricchito da un intermezzo musicale, eseguito dall’orchestra don Giuseppe Tarter, che ha eseguito pezzi molto impegnativi da Và pensiero, all’Inno alla gioia.

L’assessore Daldoss rivolto ai ragazzi presenti, dopo aver portato il saluto del presidente Rossi, ha voluto soffermarsi sullo sport quale palestra di vita. «In un tempo di grandi sfide e innovazioni, anche nel modo di relazionarsi con le persone, non sempre in modo positivo, lo sport ha la funzione di mettere a confronto le persone e di farle relazionare perché è, soprattutto, in palestra che si apprende il gioco di squadra, la competizione, ma anche la lealtà nei confronti dei compagni». Anche la dirigente scolastica Lucia Predelli ha ricordato «le opportunità che lo sport può dare ai giovani per superare le sfide che s’incontrano nella vita». La cerimonia si è prolungata con la presentazione

dei rappresentanti delle società sportive, diciassette a Baselga, sei a Bedollo e sei a Sover che hanno illustrato i loro programmi, con uno splendido balletto eseguito e studiato nelle coreografie dagli studenti e da un buffet offerto alla comunità scolastica dall’amministrazione comunale.

TrovaRistorante

a Trento Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics