TRENTO

Lago di Idro, risorsa turistica da promuovere

Accordo tra Lombardia e Trentino per spingere sulla destinazione a

TRENTO. Lombardia eTrentino vedono nel lago di Idro un’opportunità turista e di sviluppo del territorio ed è per questo motivo che è stato sottoscritto l’accordo per la valorizzazione del bacino. La firma è avvenuta stamani a Tione, presso la Comunità di valle delle Giudicarie, ed ha visto la partecipazione dell’assessore all’ambiente Mauro Gilmozzi per la Provincia autonoma di Trento, ed il sottosegretario alla presidenza Ugo Parolo (Regione Lombardia) e Provincia di Brescia. «L’intesa .- come spiega l’assessore all’ambiente Mauro Gilmozzi - fissa le nuove regole per l’utilizzo dell’acqua del lago di Idro, la costruzione di opere idrauliche, un percorso ciclopedonale e il collegamento in galleria con Valvestino.

Trentino e Lombardia hanno lavorato insieme per risolvere nel suo complesso questioni che riguardavano in prima istanza la qualità della vita della popolazione locale, legate essenzialmente al lago e alla viabilità, ma anche a monte con la produzione dell’energia elettrica e a valle con l’utilizzo delle stesse acque per l’irrigazione delle aree agricole». Gilmozzi conferma il ruolo centrale del Lago di Idro nell’area di confine tra Trentino e Lombardia: «Le acque del fiume Chiese, che confluisce nel Lago d’Idro, alimentano le centrali idroelettriche trentine, garantiscono la vita della popolazione locale e l’agricoltura

lombarda. Su questi tre aspetti abbiamo lavorato per trovare una risposta, seppur transitoria, ad esigenze precise. Credo che l’accordo di oggi soddisfi tutte le parti e, soprattutto, della gente locale a cui dobbiamo garantire opportunità di sviluppo e qualità della vita». 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trento Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVI SERVIZI EDITORIALI

Una redazione a disposizione degli autori