DOLOMITI

Il gallo cedrone Willy diventa una star sul Col Margherita

Tantissimi sciatori sulle piste per incontrare l'urogallo, ma alla fine i forestali l'hanno portato via

TRENTO. Povero Willy, gallo cedrone innamorato, ma un po’ confuso, tanto da attirare l'attenzione degli sciatori del Col Margherita, vicino al bosco dove pare viva ormai da molti anni. Lo hanno avvicinato, fotografato e filmato in tanti nei giorni scorsi. L'altra domenica sono arrivati molti fotografi amatoriali, con cannocchiale e teleobiettivo, per filmare il gallo innamorato: «Dov’è Willy?». Da quella parte.

E' finita che i forestali della provincia autonoma di Trento - ieri mattina - lo hanno catturato (operazione non certo difficile che ha richiesto pochi minuti) e portato in un altro luogo, più riservato, dove potrà trovare una compagna giusta, lontano dagli sciatori che per lui, così confidente, potevano anche essere un pericolo.

«Troppa confidenza non va bene - ci ha detto ieri un forestale - sono animali selvatici e tali devono restare». Ciao Willy, chissà in quanti verranno ancora a cercarti su quelle curve della pista Caviette dove era così facile avvistarti.

Willy, il gallo cedrone del Col Margherita Il gallo cedrone Willy in un video girato sulle piste del Col Margherita (San Pellegrino). L'urogallo ieri mattina è stato prelevato dagli uomini della Forestale di Trento e portato lontano dalle piste da sci: "Troppa confidenza con l'uomo non va bene" hanno detto i forestali. Video di Mauro Soppelsa

La storia di questo gallo cedrone, parte in realtà da lontano, battezzato Willy perché così si chiama un operatore delle piste da sci del passo San Pellegrino che ogni mattina incontrava il gallo quando era ora di aprire al pubblico il tracciato, verificando che fosse tutto a posto. Parliamo di una pista che non è percorribile per l’intera stagione: dipende dall’innevamento e dalle temperature. Ma nelle scorse settimane gli avvistamenti sono stati molto numerosi, tanto che tra i forestali c'è stato anche il timore che il gallo potesse rappresentare un pericolo: «Che succede se uno sciatore si trova all'improvviso davanti un gallo cedrone durante la discesa?».

E poi c’era il grande timore che qualcuno potesse approfittare della confidenza di quell’urogallo - specie protetta - per, diciamo così, portarselo a casa. Alla fine all'ufficio faunistico hanno affrontato la questione e hanno deciso che Willy andava trasferito. Dove? Non lo dicono, ma sanno benissimo dov'è, visto che gli hanno messo anche un radio collare.

E mentre fa notizia il gallo Willy, tutti ricordano ancora l’inverno 2010-2011 quando sul versante opposto del passo San Pellegrino, lungo le piste di Cima Uomo, i maestri avevano “adottato” il volpacchiotto Gino che a fine stagione era diventato una celebrità, protagonista di una serie di fotografie. Dicono che avesse imparato pure il suo nome: «Gino!» lo chiamavano gli sciatori. E lui rispondeva al richiamo fiducioso. Poi è venuta l’estate non l'hanno visto più, finché sul Col Margherita è spuntato l’urogallo Willy, innamorato di un amore impossibile per gli sciatori.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Trento Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE

Stampare un libro, ecco come risparmiare